Alimenti

Monitoraggio di matrici alimentari

Responsabile:

Giuseppe RuSS Biostatistica, Epidemiologia ed Analisi del Rischio, Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta

In collaborazione con: Servizio Veterinario ASL TO3

Questa linea di attività prevede, per il periodo 2020 – 2023, il monitoraggio su prodotti alimentari (uova di gallina e foraggi), con i seguenti obiettivi:

  • rilevare eventuali variazioni della concentrazione di diossine e policlorobifenili nelle uova di galline allevate all’aperto e nei foraggi (fieno) raccolti nell’area di ricaduta del termovalorizzatore di Torino;
  • rilevare eventuali variazioni dei profili dei congeneri di diossine e policlorobifenili nelle medesime uova di gallina e negli stessi foraggi, rispetto al bianco ambientale prodotto con la campagna di prelievi condotta nel periodo 2012 – 2013 e ai dati storici disponibili nel sistema informativo dell’Istituto Zooprofilattico.
  • All’interno di un’area di almeno 3 km di raggio dal termovalorizzatore e a una distanza massima di 5 km saranno individuati 4 punti di prelievo lungo assi approssimativamente ortogonali.

 

Per quanto riguarda le uova, saranno incluse nello studio le cascine i cui proprietari siano disponibili a ricevere galline ovaiole da allevare all’aperto, e a seguire indicazioni atte ad evitare cattive pratiche agricole in grado di determinare la contaminazione del suolo. Insieme alle galline verrà fornito un quantitativo di alimento zootecnico in granella privo di contaminazioni. Verranno prelevate 12 uova nell’arco di una settimana, due volte all’anno.

Per quanto riguarda il fieno, saranno inclusi nello studio i prati permanenti adibiti alla produzione di foraggio per autoconsumo in azienda e sarà prelevato il primo taglio primaverile che ha il maggior tempo di permanenza nel campo e quindi la massima esposizione agli eventuali inquinanti. Verrà prelevato un campione all’anno di foraggi sfalciati in campo, per un periodo di 3 anni.

Alle aziende candidate verrà inoltre somministrato un questionario di indagine ambientale per individuare l’eventuale presenza di fonti inquinanti a carattere locale.