XL CONVEGNO AIE

All’interno del quarantesimo Convegno organizzato dall’Associazione Italiana di Epidemiologia, si è svolto un interessante seminario satellite dal titolo “INCENERITORI E SALUTE: IL CONTRIBUTO DELL’EPIDEMIOLOGIA ITALIANA ALLA CONOSCENZA DELL’IMPATTO SULLA SALUTE E ALLE AZIONI DI SANITÀ PUBBLICA”.

In Italia sono attualmente attivi 44 impianti di incenerimento di rifiuti con una popolazione esposta che rappresenta il 3-4% di tutta la popolazione italiana ma l’impatto sulla salute delle popolazioni esposte a emissioni di questo tipo impianti non è ancora completamente conosciuto. Molte delle evidenze attualmente disponibili derivano da studi condotti su impianti di vecchia generazione, spesso con limiti nel disegno di studio.

In Italia sono stati condotti diversi studi su inceneritori e salute che hanno contribuito alla crescita delle conoscenze sul tema. Obiettivo del seminario è stato quindi quello di fare il punto sullo stato delle evidenze e degli studi in Italia in tema di inceneritori e salute, attraverso la presentazione dei risultati di alcuni tra gli studi più recenti e in corso al fine di fornire indicazioni per il proseguimento delle attività di studio e per le decisioni in sanità pubblica.

 

Di seguito è possibile visionare alcune delle slide presentate durante il seminario:

Andrea Ranzi – Una sintesi degli studi su inceneritori e salute condotti in Italia

Fabrizio Minichilli – Studio di coorte nell’area residenziale intorno all’inceneritore di Arezzo

Antonella Bena – Monitoraggio epidemiologico sugli effetti sulla salute a breve termine dell’inceneritore di Torino

Maria Giulia Gatti – Deposizione di metalli nelle unghie dei residenti intornno all’inceneritore di Modena

Luigi Fonte – Studi sugli effetti sulla salute della popolazione esposta agli inceneritori nella ATS Metropolitana di Milano

Martina Gandini – Biomonitoraggio di OH-IPA nella popolazione residente intorno all’inceneritore di Torino: confronti pre-post operam