Lavoratori dell’impianto: ultimi risultati del Biomonitoraggio

Terminata la valutazione sullo stato di salute dei lavoratori del termovalorizzatore del Gerbido. Riportiamo il servizio, tratto dall’edizione delle 14 del TG3 Regione del 21 novembre scorso.

Con il Report n. 9, presentato durante l’ultimo incontro del Comitato Locale di Controllo, vengono resi disponibili i risultati delle analisi sugli inquinanti organici: idrocarburi policiclici aromatici (IPA), policlorobifenili (PCB) e diossine (PCDD/F).

Il monitoraggio sanitario sui lavoratori arriva dopo tre anni dal primo controllo, effettuato in fase di assunzione. Lo scopo è quello di capire se, dopo tre anni di lavoro, gli addetti risultano contaminati da inquinanti presenti in fumi e polveri del termovalorizzatore. Come ulteriore supporto allo studio sono state condotte due campagne di monitoraggio ambientale indoor per definire l’esposizione a inquinanti all’interno dell’impianto.

Come già accaduto per i metalli (report SpoTT 7), anche le concentrazioni di IPA rilevate nelle urine dei lavoratori dopo tre anni dall’entrata in funzione dell’impianto, sono tutte sotto i limiti di esposizione professionale. Ulteriore conferma arriva dalle rilevazioni ambientali in impianto che hanno livelli simili o inferiori rispetto agli anni precedenti e quindi non evidenziano la presenza di un’esposizione professionale.


Per saperne di più.